Sentiero 95b

Sentiero 95b
Sentiero 95b

SENTIERO N° 95 DORSALE DESTRA da SAN LEO a SCAVOLINO

Dal bivio di San Leo si prosegue sulla strada asfaltata per circa 500 metri (una visita a San Leo è doverosa) e, dopo aver percorso le due curve, ci si immette sulla rotabile bianca che scende a destra, di fronte a Cà Mazzarino. A poche centinaia di metri, sulla destra, si trova l'azienda agrituristica "La Lama". Si segue la strada fino a Cà di sopra, poi si sale a sinistra per il sentiero che transita nei pressi di Cà Selvagrossa e, superando un breve tratto franoso, si raggiunge la strada asfaltata a Cà Carpineto. Si percorrono poche decine di metri sulla strada asfaltata direzione Maiolo, poi si sale per la rotabile a sinistra che conduce a Case Monticino, una bella borgata rurale ancora abitata. Volgendo lo sguardo verso nord, si è certamente invogliati a tirare fuori la macchina fotografica per riprendere lo spettacolare scenario: San Leo, in primo piano, quindi Montebello, Torriana e S.Giovanni in Galilea in una suggestiva cornice di verde. Si prosegue sulla carrareccia in piano transitando per Prataccio e, dopo circa un chilometro, fra belle querce ed un masso erratico situato sul ciglio della strada, si gira a sinistra traguardando il Monte della Croce. Da Prataccio, scendendo a destra, si può raggiungere la località turistica "La Tagliata", per eventuale ristoro, quindi ricongiungersi al percorso base nell'incrocio sopra descritto. Il percorso nei pressi di Monte della Croce è abbastanza tormentato a causa di piccole frane (è necessario seguire i segni C.A.I.) superate le quali, ci si trova sulla mulattiera che conduce: a sinistra nei pressi di Moleto; a destra, a Cà Giannotti e a Poggiolo. ( innesto sentiero N° 98 diretto a Botticella). Si scende dentro l'abitato di Moleto e si raggiunge la piazzetta di Soanne. - Possibilità di ristoro nella piccola "bottega" nonchè bar; o nel Circolo A.C.L.I- Si scende a sinistra nei pressi della fontana e, dopo 150 m., appena superato il ponte, si transita per Monte Calbo, e si raggiunge, dopo 800 metri, il bivio sottostante all'abitato Borgonuovo. Da quì si scende a destra per la mulattiera, si guada il Torrente Prena e si risale dalla parte opposta in mezzo al bosco. La mulattiera prosegue senza variazioni di livello considerevoli per circa 2 chilometri fino a sbucare sulla strada asfaltata a circa 300 metri dal cimitero di Scavolino. In alcuni tratti la mulattiera è delimitata da muri a secco e da recinzioni; il bosco è a vegetazione mista (ci sono querce, roverelle, frassini, carpini, ginepri, cornioli e, di tanto in tanto si incontra anche qualche campo di erba medica). Dal cimitero si percorrono ancora 400 metri di strada asfaltata e si raggiunge la Piazza di Scavolino. Nella piazza è da notare un bel loggiato (ex Palazzo Comunale) sotto il quale, ai tempi del Principato di Scavolino, vi si svolgevano i mercati. Dalla stessa piazza, in direz. N.E. si vedono i resti dell'antico palazzo fortezza. Dal cimitero di Scavolino, possibilità di scendere al delizioso Lago di Andreuccio, dove ci sono due alberghi-ristorante ed un'area di sosta molto ben attrezzata. Un'ora andata e ritorno.

© 2005-2017 Comunità Montana Alta Valmarecchia - Gestito con docweb - [id]